Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

FIJLKAM NEWS - FIJLKAM C.R.LOMBARDO COMUNICATI : CORSO ARBITRI ED IMPEGNI DI LUGLIO E AGOSTO - CAMP, EVENTI, COMUNICAZIONI ED ALTRO

clicca e potrai leggere :
- Fijlkam news : Certifed Judo Manager CJM // Comunicato 5/2018 - CF 25 maggio 2018
- Fijlkam C. R. Lombardo settore judo : eventi in programma a luglio ed agosto - corso per arbitri e presidenti di giuria
- CONI Varese : Seminario "Comunicare lo sport" e Presentazione Progetto Centro CONI Orientamento e Avviamento allo Sport
- 2° Stage di Judo “CASA IN MAREMMA” - Scarlino (GR), dal 4 al 9 settembre 2018.
- Camp di Cesenatico
- varie info e notizie dalla rete

FIJLKAM NEWS

Certifed Judo Manager CJM

Alle ASD Judo

Ai Vicepresidenti Comitati Regionali Judo Ai Presidenti dei Comitati Regionali

p.c.

Ai Componenti Consiglio di Settore Judo

Oggetto: Certified Judo Manager CJM

La IJF, in partnership con l’Università di Semmelweis (Facoltà di Educazione Fisica e Scienze dello Sport), nell’ambito del progetto di assistenza continua per le Federazioni Nazionali denominato IJF Academy, ha attivato anche un Corso gratuito per “Certified Judo Manager CJM” a partire dal secondo semestre 2018, presumibilmente dal mese di agosto.

L'obiettivo è quello di offrire ai Dirigenti delle ASD interessate la possibilità di approfondire le proprie conoscenze e competenze manageriali, amministrative ed organizzative riferite alla disciplina del Judo, intraprendendo un percorso formativo certificato dall’IJF.

Il Corso, che si svolge interamente on-line, presuppone una buona conoscenza della lingua inglese, scritta ed orale, ed è diviso in 12 moduli settimanali (il corso è interamente in lingua inglese). A conclusione dei Moduli sono fissati degli Esami on-line che prevedono l’erogazione di domande random sugli argomenti trattati nei Moduli stessi. Ai Candidati che avranno risposto in maniera corretta a minimo il 70% delle domande proposte, verrà assegnato il compito di sviluppare una tesina, entro 60 giorni, di almeno 5000 parole sempre in inglese. La valutazione conclusiva terrà conto sia dell’esame on line che della tesina. Ulteriori approfondimenti saranno disponibili sulla piattaforma IJF del Corso.

Le ASD interessate, pertanto, dovranno trasmettere l’indicazione dei dati della persona interessata, in possesso di regolare tesseramento FIJLKAM, (cognome, nome ed indirizzo di posta elettronica) alla Federazione (indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) entro, e non oltre, il 16 luglio p.v. Conseguentemente l’IJF Academy invierà direttamente ai partecipanti le credenziali per l’accesso alla formazione on-line.

Auspicando che tale iniziativa riscontri il dovuto interesse, grazie anche al coinvolgimento dei Comitati Regionali, ed in attesa di ricevere le informazioni richieste, cogliamo l’occasione per inviare i più cordiali saluti.

Il Segretario Generale

Massimiliano Benucci


Comunicato 5/2018 - CF 25 maggio 2018

Cordiali saluti.

La Segreteria FIJLKAM


CRL Comitato Regione Lombardia Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Corso formazione Ufficiali di gara 2018

Spett. Società,


la presente per segnalare che sono aperte le iscrizioni al corso di formazione Ufficiali di gara (arbitri e presidenti di giuria).
Segue link per l'iscrizione on line e, in allegato, il programma:

https://goo.gl/forms/GqTHtz9X03O8XPgi2

Grazie, cordialmente
Crl - Judo

NB. una volta compilato il form on line e cliccato su INVIA, la vostra richiesta sarà automaticamente registrata!


CRL Comitato Regione Lombardia Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Calendario gare secondo semestre 2018 e allenamenti intercentri luglio agosto p.v.

Spetti.li Società,

in allegato alla presente, trovate:

- Programma attività agonistica regionale per il periodo settembre-dicembre 2018.

- Calendario degli allenamenti presso gli intercentri nei mesi luglio e agosto


Camp Cesenatico

Ciao a Tutti,

se siete interessati a partecipare al nostro Camp  vi ricordo che la pre iscrizione, tramite mail, è obbligatoria come da brochure allegata. L’accademia Acrobatica e il suo staff tecnico vi aspetta numerosi.

Ospiti  : TATSUAKI EGUSA tecnico IJF 3 volte campione asiatico.

Rappresentativa gruppo sportivo dei carabinieri: Petrosino, Caggiano, Piras, Mingoia, Marconcini, Facente, Bergamelli,  Ardizio, Donne Lentini,Prosdocimo Politi e Geri.

La nazionale Albanese con 5-7 elementi fino agli 81 Kg

Vi ricordo che il Camp prevede anche allenamento per amatori e cinture colorate e per i tecnici un momento di aggiornamento con tecnica didattica e Kata.

Direttori tecnici :   Pitrelli Antonio- Ghiringhelli Marco-De Luca Pietro –Parnigoni Fabio.


2° Stage di Judo “CASA IN MAREMMA” - Scarlino (GR), dal 4 al 9 settembre 2018.

Il Comitato regionale Toscana organizza dal 4 al 9 settembre 2018 il 2° stage per gli atleti agonisti da Es. A a Master, "CASA IN MAREMMA" presso la omonima Struttura, sita a Scarlino in località Castellina, 58020 Scarlino (GR).

Lo Stage sarà tenuto dai tecnici: Giulia Quintavalle, Orazio D’allura, Andrea Falso e Mara Laici di cui si enuncia un breve curriculum, oltre che da tecnici dello staff regionale.

Giulia Quintavalle, Consigliere atleti Coni Nazionale.

1^ Olimpiadi PECHINO 2008

5^ Olimpiadi Londra 2012

3^ Giochi del Mediterraneo 2005

5^ Mondiali Rio de Janeiro

3^ Mondiali Militari

1^ Mondiali Militari

1^ Europei a Squadre

Orazio D’Allura

Più volte medagliato ai Campionati Italiani Assoluti

1° Europei a Squadre

3° Mondiali Militari

2° Mondiali Militari a Squadre

3° World Cup Città di Roma

Andrea Falso

Più volte medagliato ai Campionati Italiani Assoluti

3° Campionati Europei a Squadre

Mara Laici

Più volte medagliata ai Campionati Italiani

2^ Europei Junior

3^ Europei a Squadre

In allegato il programma e la richiesta partecipazione.
Troverete il tutto anche sul ns sito www.crtjudo.it

Mario Porzio

Segreteria CRToscana Judo


Seminario "Comunicare lo sport"

Il Coni Delegazione di Varese organizza con la Scuola Regionale dello Sport il seminario “ Comunicare lo sport  ” nei giorni 17 settembre e 8 ottobre 2018 presso il Coni Delegazione di Varese .

In allegato il link e la locandina.

http://lombardia.coni.it/lombardia/scuola-regionale/corsi/corso/2585.html

Cordiali saluti

Coni Delegazione di Varese


Presentazione Progetto Centro CONI Orientamento e Avviamento allo Sport

Buongiorno

Vi giro mail inviata dal Referente Centro Coni

Cordiali saluti

Coni Delegazione di Varee

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Siamo giunti a conclusione della terza stagione del Progetto Centro CONI Orientamento e Avviamento allo Sport che ha visto quest’anno l’adesione di 86 ASD sul territorio lombardo che hanno costituito 30 Centri con la partecipazione di 3292 bambini.

Il Centro CONI è il progetto nazionale del CONI che ridisegna il modo di fare sport durante il pomeriggio rivolto ai giovani dai 5 ai 14 anni già iscritti alle Associazioni Sportive Dilettantistiche o Società Sportive Dilettantistiche (ASD/SSD)..


Non un solo sport, ma tante attività sportive che i giovani possono scoprire e praticare ampliando così il personale bagaglio motorio e affinando i gesti tecnici specifici relativi alle diverse discipline coinvolte.

Si propone di offrire alla collettività un luogo ideale in cui proporre, sperimentare e validare innovative strategie di formazione, di pratica, di orientamento e di avviamento all’attività sportiva giovanile.

Tutti i partecipanti al Centro CONI possono praticare le attività sportive secondo percorsi che tengono conto delle loro fasi di crescita psico-fisica con una frequenza minima di 2 volte a settimana, nel periodo da settembre a giugno, presso le società sportive coinvolte.

I requisiti minimi di una ASD/SSD per aderire al progetto sono:

iscrizione al Registro Nazionale delle Associazioni e Società Sportive dilettantistiche del CONI;

disponibilità di un impianto sportivo idoneo e dotato di attrezzature adeguate e varie a svolgere l’attività prevista;

esperienza di attività sportiva nel settore giovanile;

utilizzo di  istruttori in possesso di laurea in scienze motorie o diploma ISEF, o di tecnici federali di 1° livello;

accettazione  di una diversificazione delle attività per diverse fasce d’età al fine di apprendere un ampio bagaglio di abilità motorie e sportive prima generali e poi  speciali e specifiche;

formare gruppi, per ciascuna fascia, di almeno 15 bambini-e/ragazzi-e;

erogare un’attività sportiva con una frequenza minima di due volte la settimana;

garantire idonea copertura assicurativa;

dotarsi di operatori di sostegno nel caso in cui partecipino bambini/ragazzi con disabilità;

partecipare ad iniziative, sia di carattere sportivo sia promozionale, promosse dal CONI durante l’arco dell’anno.

Per partecipare la ASD/SSD dichiara di essere in possesso dei requisiti sopra descritti e si impegna a:

condividere un percorso comune con il CONI;

progettare/programmare l’attività insieme alle altre ASD/SSD che partecipano al Centro con la supervisione e il coordinamento dei docenti delle SRdS incaricati dal CONI;

attestare di essere in possesso dell’idonea certificazione medica dei partecipanti, secondo quanto previsto dalla normativa vigente;

far partecipare i propri istruttori ai corsi/seminari specifici che verranno proposti dalle Scuole Regionali di Sport così come prendere parte a momenti di incontro e confronto;

effettuare attraverso i propri tecnici dei test motori in ingresso e in uscita per i bambini/ragazzi aderenti al Centro, che verranno poi elaborati e/o anche pubblicati in forma anonima dall’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport del CONI a fini scientifici e di ricerca nonché monitoraggio del Progetto;

Fornire al CONI il Codice Fiscale della ASD/SSD al fine del rilascio dell’account per poter accedere ad un’apposita piattaforma informatica del CONI;

Inserire i dati richiesti, con le modalità descritte in uno specifico Manuale Guida operativo del CONI, nella piattaforma informatica in modo da renderli elaborabili dall’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport.

Disponibilità a fornire dati e valutazioni, di genere statistico e contenutistico,  durante ed al termine dell’attività prevista dal Progetto.

Chiunque fosse interessato a partecipare al progetto per la stagione 2018/2019 può contattare il CONI Lombardia nella persona del Coordinatore Tecnico Regionale, prof. Marco Manzotti tel. 02 76115239, mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure al CONI Point di Brescia, nella persona di Giovanna Pompeo, Referente di Progetto, tel. 030 310161, mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cordialmente

Giovanna Pompeo

Referente Centro CONI Lombardia


IL GOVERNO VUOLE PRENDERE 2 DECISIONI A FAVORE DI TUTTE LE ASD MA STANNO TENTANDO DI BLOCCARLO. AIUTACI!

Abbiamo poche ore per far sentire la nostra voce!
Per questo motivo abbiamo organizzato una raccolta firme online che ti chiediamo di sottoscrivere QUI, ora!

Di cosa si tratta?

Il precedente Governo aveva, all’interno della legge di Bilancio 2018, preso 3 scelte che riguardavano le Associazioni Sportive Dilettantistiche: 2 assolutamente sbagliate ed 1 invece positiva ed importante (l’aumento del plafond esentasse per i rimborsi sportivi dilettantistici da 7500 a 10mila euro).

Bene, il nuovo Governo grazie all’azione del Sottosegretario alla Presidenza del consiglio con delega allo Sport, Giancarlo Giorgetti, ha deciso di eliminare le 2 scelte sbagliate andando appunto a favorire le ASD - Associazioni Sportive Dilettantistiche.

Le 2 scelte sbagliate che andavano CONTRO gli interessi delle ASD - Associazioni Sportive Dilettantistiche e a favore dei poteri forti erano queste:

Il tentativo di parificare i rimborsi sportivi dilettantistici (noto come “regime dei 7500”) a Collaborazioni Coordinate Continuative (CoCoCo) aumentando costi gestionali e burocrazia: questo infatti avrebbe significato non solo effettuare le comunicazioni di assunzione ai Centri per l’impiego ma anche l’emissione di formali buste paghe, la tenuta dei LUL (Libri Unici del Lavoro) e tutti gli oneri in capo alla sicurezza (DVR, DUVRI, annessi e connessi).
E’ chiaro che INTERE CATEGORIE PROFESSIONALI avevano spinto per questo provvedimento perchè tutta questa burocrazia l’avresti dovuta far fare a loro (pagando fior fior di euro).

L’invenzione delle Società Sportive Dilettantistiche Lucrative: una nuova forma giuridica in aperta concorrenza alla ASD che serviva, anche in questo caso, ad attirare come api sul miele migliaia di dirigenti sportivi sprovveduti (come i tanti che abbiamo conosciuto in questi anni che si sono fatti abbindolare nel trasformare le loro ASD in SSD) su cui INTERE CATEGORIE PROFESSIONALI avrebbero speculato proponendogli costosissime trasformazioni.

Sul tema delle Società Sportive Dilettantistiche Lucrative ci eravamo già spesi in passato, in un articolo molto critico che puoi trovare QUI

Perchè abbiamo deciso di intervenire?

Perchè siamo rimasti sconvolti da come la gran parte dei nostri colleghi in giro per l’Italia che si occupano di fiscalità del no profit sportivi invece di applaudire queste scelte del Governo che vanno a favore della difesa delle ASD, si siano mossi a favore dei poteri forti.

Addirittura, in alcuni casi, hanno cominciato vere e proprie campagne di comunicazione, investendo anche dei soldi, per cercare di bloccare l’operato del Governo!

È diventato quindi evidente come quelle 2 scelte fossero stato frutto anche del loro operato e di un ENORME CONFLITTO DI INTERESSI.

Abbiamo quindi deciso di intervenire.

Come già sai se ci segui da un po', noi di Teamartist non abbiamo mai avuto paura di schierarci contro provvedimenti che abbiamo ritenuto dannosi per le associazioni e allo stesso tempo abbiamo sempre applaudito a quelle norme che invece hanno favorito e migliorato la vita dei presidenti di associazione.

Lo abbiamo sempre fatto A PRESCINDERE DAL COLORE POLITICO di chi emanava questo o quel provvedimento. 
Noi, a differenza di molti altri che si occupano di queste tematiche in Italia, non abbiamo da vantare alcuna vicinanza politica da tutelare, non siamo a libro paga di nessuno e ci teniamo ben stretta questa indipendenza di pensiero.

Indipendenza che è garantita da tutti voi che ci sostenete nelle nostre attività, seguendoci e acquistando i nostri servizi.

L’unico interesse di TeamArtist è che le ASD (e tutte le altre associazioni) prosperino e non sprechino soldi in inutile burocrazia ma che investano le proprie risorse invece per crescere e migliorare i propri servizi (magari anche con noi: ma almeno noi non cerchiamo di obbligarti a farlo… per legge!)

Cosa rischia la tua ASD se non ci dai una mano

Rischiamo che i poteri forti, di nuovo, vincano e che il Governo non riesca più a portare avanti l’eliminazione dei 2 provvedimenti di cui abbiamo parlato. Il meccanismo è chiaro: se i poteri forti riusciranno a far pensare al Governo che dopotutto alle ASD non importa tanto di queste scelte e che invece INTERE CATEGORIE PROFESSIONALI si sentirebbero penalizzate, il Governo potrebbe mollare il colpo e non andare avanti con questi, SACROSANTI, provvedimenti!

Cosa puoi fare per vincere questa battaglia?

Sottoscrivi immediatamente la nostra raccolta firme per il sostegno a questo provvedimento del Governo (sarà nostra cura trasmettere poi la raccolta firme direttamente al sottosegretario Giorgetti).

Forza! Abbiamo poche ore e in questo momento siamo i più deboli in campo!

Ma col tuo aiuto, facendo squadra, possiamo vincere anche questa partita!

>>> CLICCA QUI PER SOTTOSCRIVERE LA PETIZIONE <<<

NB: Per far sì che la petizione sia presa realmente sul serio ti chiediamo di sottoscrivere  non solo con il tuo nome e cognome, ma anche i dati della tua associazione, in modo da dimostrare che le nostre richieste sono sostenute da veri presidenti e dirigenti di associazione come te.


Come affrontare in maniera corretta la Gestione della tua associazione

Una delle raccomandazioni che più spesso facciamo è quella di organizzare e raccogliere tutti i documenti dell’associazione in modo ordinato.

Avere i documenti sparsi in diverse sedi, non essere sicuri di averli, è il primo segnale di un’associazione non gestita bene.

Purtroppo però sappiamo che la situazione media delle associazioni italiane è ben più grave.

Ce lo confermate ogni giorno con le vostre domande sul Blog, ce lo avete scritto in molti rispondendo alle nostra mail.

Quali documenti devo avere?

Come faccio ad averli tutti?

Ci date un elenco dei documenti necessari?

C’è un punto che devi avere ben chiaro: in caso di controllo fiscale spulceranno uno a uno i documenti della tua associazione. Per questo è bene che ti preoccupi che i documenti siano corretti rispetto alla legge… ma prima di poter controllare le carte, è fondamentale che le carte ci siano e siano rintracciabili in tempi brevi.

Questo nella stragrande maggioranza dei casi non è possibile.

Qualunque analisi della situazione della tua associazione parte da un presupposto ben preciso, che vale sia che il controllo lo faccia tu, sia che lo facciamo noi come associazionisti, sia che lo faccia l’Agenzia delle Entrate o qualunque altro ente accertatore.

Questo presupposto è quello di poter accedere ai documenti dell’associazione in maniera ordinata.

Peccato che l'80% delle associazioni italiane non abbia la documentazione completa e corretta. Tantissime volte non si sa nemmeno dove andare a cercare questo o quel documento.

Ecco questo è il problema! Nella maggior parte dei casi nessuno sa dove sono questi documenti. NESSUNO.

Le motivazioni sono sostanzialmente due.

Da 5 anni, proprio perché è il nostro lavoro, teniamo le statistiche del tour over del personale di migliaia di associazioni. Per tour over s’intende quante nuove persone entrano in associazione a dare il loro contributo e quante altre invece se ne vanno. Il risultato è che le persone che si occupano di gestione ed amministrazione restano molto, molto, molto meno di quelle coinvolte nelle attività operative.

Il motivo è semplice, generalmente il presidente non si vuole occupare di questioni amministrative e cerca di “rifilarle” a chiunque, possibilmente cercando di non spendere soldi. Si cerca il papà del tesserato, il cugino del dirigente o chiunque possa tenere la gestione amministrativa gratis.

Il risultato è che insistendo un po’ si trova qualcuno che per un paio d’anni si presta gratuitamente e di malavoglia a fare il lavoro.

Questa persona poi immancabilmente lavorerà da casa col risultato che tutti i documenti NON saranno in sede.

Alla fine questa persona si stuferà comunicherà di non volersi più occupare della questione e la ricerca ricomincerà. A quel punto se sarete fortunati la persona riporterà in associazione uno scatolone pieno di documenti sparsi alla rinfusa che nessuno capirà al netto della persona che li ha fatti (che però non c’è più) senza sapere se poi le cose sono state fatte davvero.

La seconda invece riguarda coloro che decidono di affidarsi ad un professionista. Purtroppo non serve leggere i giornali per sapere che esistono diversi tipi di professionisti, quelli onesti, quelli meno onesti, quelli più preparati e quelli meno preparati. È la storia del mondo che lo insegna.

Ma non è questo il punto, ammettiamo che il vostro professionista sia onesto e preparato. La questione riguarda DOVE il vostro professionista conserva i documenti.

Avrai spesso sentito la frase “i documenti sono conservati presso il commercialista”. Purtroppo ci capita quasi sempre di vedere che poi l‘associazione non rientra mai in possesso di questi documenti e questo genera enormi problemi.

Anche perché il presidente generalmente non sa esattamente quali documenti deve avere.

E quindi quello che succede, sulla base della nostra esperienza quotidiana, è che le Associazioni non hanno tutti i documenti che dovrebbero avere e che sono richiesti dal Fisco italiano in caso di controllo.

Hai capito bene, non stiamo ancora entrando nel merito se i documenti siano giusti o sbagliati. Il punto è che GENERALMENTE NON CI SONO!

Devi ricordarti poi che una volta in possesso dei documenti, se questi non sono ordinati è praticamente come non averli. Quando andiamo a fare le ispezioni fiscali simulate ci troviamo spesso e volentieri ad entrare in una stanza e trovare un numero imprecisato di scatoloni sul pavimento con dentro cartacce alla rinfusa.

Per poter essere certi di essere a posto, per poter controllare che il vostro commercialista abbia fatto tutte le dichiarazioni, per poter esaminare la situazione della vostra associazione… Per poter fare tutto questo, la condizione necessaria è la disponibilità dei documenti ordinati.

PUNTO! Non ci sono altre soluzioni, non ci si può girare intorno.

Quindi mettiti l’anima in pace, sia che tu abbia un commercialista, sia che tu non ce l’abbia, sia che tu viva in un paese alluvionato, o in uno terremotato, o che abbiano buttato una bomba atomica sulla sede della tua associazione, DEVI AVERE I DOCUMENTI E DEVONO ESSERE ORDINATI.

Per questo motivo abbiamo cercato di trovare una soluzione sviluppando un protocollo per organizzare i documenti dell’associazione. È frutto di anni di lavoro e di fatica ed è quello che anche noi utilizziamo quando la situazione lo richiede.

Siamo riusciti a farlo grazie allo studio e all’analisi di centinaia di verbali di accertamento del Fisco italiano, che ci ha permesso di scoprire quali documenti vengono controllati, in che ordine e con quale finalità.

Abbiamo creato ORGANIZZO, lo strumento che ti permette di organizzare i documenti della tua associazione in modo che siano archiviati correttamente secondo le regole dettate dal Fisco italiano.

>>>CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU' SU ORGANIZZO<<<

ORGANIZZO è un sistema UNICO di organizzazione dei documenti della tua associazione che ti permette di:

1. catalogare e riordinare i documenti della tua associazione esattamente secondo la logica richiesta dagli ispettori fiscali;

2. riconoscere facilmente, a livello visivo confrontando coi nostri fac-simile, se il documento che hai trovato e che sai che ti mancava è davvero quello che stavi cercando;

3. tenere SOLO i documenti necessari, evitando di avere documenti NON obbligatori insieme a quelli che sei obbligato a mostrare e che potrebbero essere usati solo CONTRO l’associazione;

4. Verificare di avere TUTTI i documenti obbligatori;

5. Capire quali rischi corri quando ti mancano uno o più documenti.

MA SOPRATTUTTO

ORGANIZZO ti permette di combattere e vincere una battaglia psicologica contro il Fisco in caso di controllo. Con il nostro sistema di organizzazione, l’ispettore saprà:

Devi effettuare il login per inviare commenti
Back to top